IBC

IBC - Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna

IBC - Le Pubblicazioni dell'IBC


pubblicazioni

pubblicazione 1 di 1 | risultati ricerca

Anatomia del sacro

Il crocefisso in cera del Museo di San Martino in Rio

autori/curatori: Semellini, Milena; Silvestri, Iolanda

Anatomia del sacro : il crocefisso in cera del Museo di San Martino in Rio / [a cura di Milena Semellini e Iolanda Silvestri]. - [Bologna] : Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna : Museo dell'agricoltura e del mondo rurale di San Martino in Rio, [2013]. - 48 p. : ill. ; 21 cm. ((In cop.: Regione Emilia-Romagna, IBC Istituto per i beni artistici culturali e naturali; Museo dell'agricoltura e del mondo rurale ; Comune di San Martino in Rio


ISBN 9788897281160

Il Museo dell’agricoltura e del mondo rurale di San Martino in Rio (Reggio Emilia) conserva nella sua collezione un particolarissimo crocefisso in cera, proveniente da una preziosa donazione di Raffaella Bertani. Lo studio attento condotto dall’esperta Federica Dal Forno in collaborazione con l’Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna (IBC), ente finanziatore del restauro dell’opera e della teca espositiva, hanno dato un’identità, se non certa, almeno documentata a un manufatto così singolare e unico nel suo genere come il piccolo Cristo in cera. Perché non si tratta di un normale crocefisso, senza croce, ma di una figura sacra anatomizzata nelle sue viscere.

Al di là del significato espresso dall’oggetto, sicuramente nato come risposta cristiana alle istanze continue di eresia emerse tra Seicento e Settecento, ciò che più colpisce in questo piccolo Cristo, di cui non si conosce né la committenza né il ceroplasta, è la qualità del prodotto. La sofferenza del corpo e dell’anima di Cristo sono resi da una plastica talmente espressiva e ben modellata in così poco spazio da essere considerata opera di notevole pregio artistico. Ed è il valore complessivo del manufatto che ha convinto il museo sammartinese e l’IBC a studiarlo, a restaurarlo, a costruire una teca per proteggerlo e a presentarlo in un evento a lui dedicato, sotto l’alta sorveglianza della Soprintendenza per i beni storici, artistici ed etnoantropologici di Modena e Reggio Emilia.

Per richiedere la pubblicazione: IBC - Servizio biblioteche, archivi, musei e beni culturali.  

pubblicazione 1 di 1 | risultati ricerca