IBC

IBC - Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna

IBC - Le Pubblicazioni dell'IBC


pubblicazioni

pubblicazione 1 di 1 | risultati ricerca

Flora del Ferrarese

autori/curatori: Alessandrini, Alessandro; Pellizzari, Mauro; Piccoli, Filippo

Flora del Ferrarese / Filippo Piccoli, Mauro Pellizzari, Alessandro Alessandrini ; con la collaborazione di Giampaolo Balboni, Lisa Brancaleoni, Nicola Merloni - Ravenna : Longo, 2014 - 314 p. : ill. ; 28 cm (( In testa al frontespizio: Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna. ))


ISBN 9788880637813

Da oltre un secolo non veniva pubblicato un catalogo della flora del Ferrarese. Risale infatti al 1909 il Contributo alla flora vascolare della Provincia di Ferrara di Revedin. Da quel tempo ormai molto lontano molte cose sono avvenute e i cambiamenti hanno influito anche sulla flora che – sapendola leggere ed interpretare – è un fedele indicatore dello stato del territorio e delle sue modificazioni.
La Flora del Ferrarese di Filippo Piccoli, Mauro Pellizzari e Alessandro Alessandrini (e la collaborazione di Lisa Brancaleoni, Giampaolo Balboni e Nicola Merloni) è frutto di un progetto pluridecennale ed è risultato di esplorazioni sistematiche e quanto più accurate possibile del territorio. Sono stati analizzati sia i lembi di maggiore e più noto valore naturalistico, come il Delta del Po (il Gran Bosco della Mesola, le zone umide salmastre, le dune costiere), le Dune di Massenzatica, la Foresta Panfilia, Campotto e Valle Santa. Ma sono stati esplorati anche luoghi meno importanti, in quanto più modificati, ma ricchi di specie diverse e per gran parte di origine esotica: le aree urbane, i canali, i campi, le aree industriali dismesse, le aree ferroviarie.

Confluiscono qui anche i dati raccolti dai predecessori, a partire dai botanici ottocenteschi, esponenti della Scuola Botanica Ferrarese che tanto lustro ha dato alla città. Le loro opere a stampa, ma anche i campioni essiccati oggi conservati nell’Erbario ferrarese sono stati analizzati e archiviati. E’ stata così trovata testimonianza della presenza, storica e attuale, di oltre 1300 entità sistematiche diverse. Tra queste un numero significativo è oggi scomparso; soprattutto si tratta di piante di ambienti umidi, ma anche commensali di colture. Molte piante sono state rinvenute per la prima volta e se ne dà notizia proprio in questa sede.
L’analisi delle modificazioni della flora permette di trarre alcune conferme del considerevole aumento della pressione dell’uomo sull’ambiente che viene testimoniato dall’impoverimento della flora originaria e dal forte incremento della flora esotica ma anche di quella genericamente ruderale. Sono fenomeni generali che anche nel Ferrarese si esprimono con evidenza. La Flora del Ferrarese non è una guida al riconoscimento; tuttavia un significativo apparato fotografico permette di farsi un’idea di alcune delle piante trattate e anche della loro rasserenante bellezza.

Filippo Piccoli, già docente di Botanica sistematica presso l’Università di Ferrara, in molti anni di attività scientifica ha rivolto la sua attenzione su argomenti floristici e vegetazionali, con indagini su ambienti naturali dalla pianura alla montagna. Tali ricerche si sono tradotte in numerose pubblicazioni di carattere geobotanico e in Carte della Vegetazione a piccola e grande scala.
Mauro Pellizzari, docente di scienze nella scuola secondaria, svolge da molto tempo ricerche in campo botanico, finalizzate alla conoscenza della flora, della vegetazione e degli habitat, soprattutto nel territorio della pianura e della costa dell’Emilia-Romagna. Università e altri enti si avvalgono della sua collaborazione, espressa anche con numerose pubblicazioni scientifiche.
Alessandro Alessandrini, dell’Istituto regionale per i beni culturali, indaga da diversi decenni la flora dell’Emilia-Romagna, attraverso l'esplorazione territoriale e la raccolta di dati attuali e storici; la sua attività si concretizza spesso in collaborazione con altri esperti. Su questi argomenti ha pubblicato numerosi lavori in diverse sedi, da singole segnalazioni ad alcune flore provinciali.

Per acquistare la pubblicazione: Angelo Longo Editore.


allegati:

pubblicazione 1 di 1 | risultati ricerca